Voti: 0 - Media: 0

Le Vitamine Dalla A Alla Z




Vitamina A

è una vitamina liposolubile, che viene cioè trasportata dai grassi e immagazzinata nel tessuto adiposo, ed è utile alla vista, ai processi di differenziazione cellulare, e necessaria per la crescita e la riproduzione del sistema immunitario.

La vitamina A si trova nei tessuti animali quali uova, fegato, latticini e pesce, ed è possibile inoltre assumerla, sotto forma di beta carotene, attraverso i vegetali ad elevato contenuto di clorofilla e frutta e verdure di colore giallo e/o arancione (come carote, broccoli, spinaci, albicocche, pomodori e zucche..)
La carenza di vitamina A può provocare problemi all'apparato visivo, alla pelle, e può causare un ridotto accrescimento, rottura e caduta dei denti.
Una presenza eccessiva di questa vitamina invece, può essere causa di irritabilità, nausea e visione indistinta o, in casi più  seri, ritardo della crescita, danni a fegato e milza, perdita dei capelli, dolori reumatici e aumento della pressione intracranica.







Vitamine del gruppo B
Il gruppo B comprende 8 tipologie di vitamine:
B1, B2, B3 o vitamina PP, B5 o acido pantoteico, B6, B8, B9, conosciuta anche come acido folico, e B12.
Queste vitamine sono molto utili al nostro organismo perchè contribuiscono al buon funzionamento del sistema nervoso, del fegato, e contribuiscono al rinforzo delle difese immunitarie.

Vitamina B1
Partecipa alla trasformazione dei carboidrati in energia, ed è proprio per questo motivo che è detta anche "la vitamina dell'umore e dell'energia".
Si trova, in piccole quantità, in tutti gli alimenti ma soprattutto nella carne di maiale, nella crusca e nelle germe del grano, nella pula (la pelle) del riso.
La vitamina B1 è molto importante per la crescita regolare dei bambini, permettendo crescita e miglioramento del tono muscolare; essa inoltre ha molti benefici effetti sulle capacità intellettive e di apprendimento ed ha effetti positivi sull'emotività.
Una carenza di vitamina B1 (anche se molto rara nella nostra società) si manifesta con debolezza diffusa, magrezza, disturbi a carico dell'apparato digerente, urinario e cardiovascolare, confusione e irritabilità.

Vitamina B2

E' molto importante nel processo di riparazione dei tessuti ed è molto utile al fegato che la impiega in alcuni processi.
La vitamina B2 si trova in molti alimenti, ma la sua fonte principale è  il fegato animale, insieme al latte e i suoi derivati e all'albume d'uovo.
Una carenza di Vitamina B2 può provocare problemi alla pelle (lesioni di lingua, bocca, orecchie e guance), disturbi nervosi, arrossamento degli occhi, vertigini, calo di peso e perdita di capelli.


Vitamina B3 (nota anche come vitamina PP)
E' necessaria per il regolare funzionamento del sistema nervoso, ed è anche utile per ridurre il colesterolo nel sangue.
Si trova nelle arachidi, la carne bianca (specie il tacchino), il vitello, il fegato di manzo, il salmone, il tonno, il pesce spada e il lievito di birra.
Una carenza di vitamina B3 può provocare vari sintomi come la perdita del tono muscolare, la cattiva digestione, problemi alla cute, alle gengive e alla lingua, insieme a mal di testa ricorrente, nausea e irritabilità.
Una gravissima carenza di vitamina B3 (oggi molto rara nei paesi occidentali) provoca la pellagra, una malattia caratterizzata da lesioni all'apparato digerente, alla cute e al sistema nervoso centrale.


Vitamina B5 o acido pantoteico
Si tratta di una vitamina molto utile alla crescita e lo sviluppo e favorisce l'utilizzazione energetica degli alimenti. La vitamina B5, Associata alle altre vitamine del complesso B, ha molti benefici sul sistema immunitario.
Essa si trova nei piselli e nelle lenticchie, nei cereali integrali e nelle germe di grano, nel lievito di birra, nella soia e nelle arachidi, nell'aragosta.
Una carenza di vitamina B5 si verifica solitamente solo in situazioni di grave denutrizione.

Vitamina B6 (Piridossina, Piridossamina, Piridossale)
E' molto importante e svolge molte funzioni: partecipa alla sintesi di DNA, RNA e aminoacidi, permette la trasformazione in energia di carboidrati, grassi e proteine; partecipa alla produzione di globuli rossi e anticorpi; aiuta il funzionamento del sistema muscolare e del sistema nervoso.
La vitamina B6 si  trova nelle farine integrali e nei prodotti che le contengono, nel riso, nelle lenticchie, nel fegato e anche in alcuni pesci tra cui salmone e tonno.
Tra i sintomi che ne determinano carenza: rallentamento della crescita, convulsioni, anemia, lesioni renali, epatiche e cutanee.


Vitamina B8 o Biotina
La vitamina B8 è importante per la salute della pelle, aiuta lâ??organismo a fare un uso efficiente dello zucchero, e mantiene un approvvigionamento energetico nelle cellule nervose. Eâ?? una vitamina fondamentale per la sintesi della vitamina C, allevia i dolori muscolari ed è utilizzata per prevenire la caduta dei capelli.
Una carenza di vitamina B può provocare problemi legati alla salute della pelle , come la crosta lattea nei neonati, perdita dei capelli, crampi muscolari e la mancanza di un buon tono muscolare e di coordinamento.

Vitamina B9 o Acido Folico
Si tratta di una vitamina che non viene prodotta dall'organismo ma deve essere assunta attraverso il cibo e dalla flora batterica intestinale. Durante la gravidanza è importantissimo per la prevenzione delle malformazioni neonatali, particolarmente di quelle a carico del tubo neurale, che si possono originare nelle prime fasi dello sviluppo embrionale.
L'assunzione di Vitamina B9 con l'alimentazione è garantita da alimenti di origine animale e vegetale, particolarmente frattaglie, legumi, verdure a foglia verde, pomodori e arance.
Una carenza di acido folico provoca rallentamenti nella sintesi di DNA ed RNA con conseguente anemia e disturbi all'apparato gastro intestinale.


Vitamina B12
E' nota come â??la vitamina energizzanteâ?. Essa si trova nelle proteine animali, soprattutto il fegato che ne è la miglior fonte; il rognone, la carne di muscolo, il pesce e i prodotti caseari ne contengono una buona quantità.
La vitamina B12 è importantissima nel processo di metabolismo del tessuto nervoso e partecipa al metabolismo delle proteine, dei grassi e dei carboidrati. Questa vitamina è strettamente collegata allâ??azione di quattro aminoacidi, dellâ??acido pantotenico e della vitamina C, e contribuisce anche a migliorare la funzione del ferro nellâ??organismo e aiuta lâ??acido folico nella sintesi della colina.
i sintomi di carenza d vitamina B12 si manifestano in casi di gravi deficit protratti nel tempo. Tra essi: anemia progressivamente crescente, debolezza, pallore, ittero, stanchezza, lingua liscia, pruriginosa e molto rossa, formicolii alle estremità, ridotta percezione del dolore, irritabilità, mal di testa, depressione, difficoltà di concentrazione, e di memoria, alterazioni dell'equilibrio, disturbi del sonno.






Vitamina C o acido ascorbico
Eâ?? importantissima per il suo potere antinfiammatorio, antiossidante, per il supporto al sistema immunitario; inoltre aumenta la forza dellâ??organismo, aiuta la cicatrizzazione di bruciature e ferite, migliora lâ??assorbimento del ferro, e protegge dall'inquinamento e da molte sostanze tossiche (come il fumo).
La vitamina C è molto diffusa nella frutta e verdura e nel mondo animale è contenuta in fegato e reni.


Tra i sintomi di carenza di vitamina C:
gengive che sanguinano spesso, capillari fragili e le ferite tardano a guarire, le giunture sono spesso gonfie o doloranti, e i banali raffreddori  e influenze fanno fatica a risolversi.



 Vitamina D
La sua funzione principale è di mantenere normali i livelli di calcio e fosforo nel sangue favorendo lâ??assorbimento di calcio e contribuendo a formare e mantenere le ossa forti.


La vitamina D si trova in molte alimenti come pesce, uova, alcuni tipi di latte e olio di fegato di merluzzo. Anche il sole è molto importante per la produzione giornaliera di vitamina D e, appena 10 minuti di esposizione pare siano sufficienti a prevenirne la carenza.
La carenza di questa vitamina, nei bambini è causa il rachitismo che evolve in deformità scheletriche. Negli adulti invece una mancanza di vitamina D può portare allâ??osteomalacia, che provoca debolezza muscolare oltre a quella ossea. Tra i soggetti più a rischio di carenza di vitamina D ci sono gli anziani, gli obesi, i bambini allattati esclusivamente al seno senza integrazione di vitamina D e i soggetti che hanno unâ??esposizione solare limitata.



Vitamina E 
E' la vitamina antiossidante per eccellenza, in quanto protegge le membrane cellulari dall'attacco dei radicali liberi.
Oltre alla sua particolarità antiossidante la vitamina E è coinvolta nelle difese immunitarie e, nella trasmissione di segnali tra le cellule, nella regolazione dellâ??espressione genica e in altri processi metabolici. E' inoltre definita la vitamina antisterilità perché è coinvolta nella regolazione del ciclo femminile ed è antiabortiva.
La vitamina E si trova prevalentemente nella frutta, negli oli vegetali, in alcuni cereali e nei semi in generale.
Tra i sintomi che denunciano una carenza di vitamina E ci sono, negli adulti, senso di stanchezza e apatia, difficoltà di concentrazione, irritabilità, debolezza muscolare; nei neonati il deficit di vitamina E si può manifestare con edema e anemia emolitica.






Vitamina K
E' una vitamina fondamentale per la produzione di protrombina, una sostanza che permette la coagulazione del sangue, previene le emorragie, riduce le mestruazioni abbondanti,permette un migliore sviluppo delle ossa ed una crescita regolare; inoltre la vitamina K rende attiva l'osteocalcina, che assieme al collagene è una proteina essenziale perché l' apparato scheletrico goda di un ottimo stato.
Questa vitamina si trova negli spinaci, nel cavolo, nel cavolfiore, elle cime di rapa, nella verdura a foglia verde e nel tè verde.
Una carenza di vitamina K è molto rara perché si tratta di una vitamina che viene prodotta dalla flora batterica intestinale. Nei casi in cui vi fosse una reale carenza di questa vitamina, i sintomi potrebbero essere sangue da naso o sanguinamento eccessivo e riduzione della densità ossea con conseguente rischio di fratture e fragilità. Altri sintomi più  lievi possono essere affaticamento, nausea, sonno agitato e attacchi di colite.
I bambini appena nati possono essere a rischio di deficit di vitamina K, durante i primi giorni di vita e manifestano sintomi come anemia emolitica, ittero, sindrome emorragica.


Commenta!

Clicca per votare
Commento